OGGIWEB il portale informativo tirrenico Il portale informatico OGGIWEB è al suo 13° Anno di vita - Il webmaster ti invita a registrarti per poter accedere alle sezioni riservate FORUM, MATERIALE etc.. Iscriviti e ... buona navigazione.
Home Il Sito del webmaster Mappe Satellitari Previsioni Meteo
  Notizie 

             

 
 
Le nostre foto

I laboratori teatrali 2010 di Giovanni Boncoddo (8355)

Aforismi Celebri
Se uno fa un bagno di umiltà, poi dove si asciuga?

Fabio Fazio (I grandi perché della vita)


- Istruzioni d'Uso
1) HomePage UgoLopresti (by webmaster) (IT)
2) OGGIWEB: Istruzioni d'uso (IT)
3) IL PERCHE' di OGGIWEB (IT)
4) MERCATINO: Istruzioni d'uso (IT)


Link Segnalati
Home Rai (3927)
Home Regione Siciliana (3903)
I soldati americani a Spadafora nel 1943 (3679)

Visitatori
Visitatori Correnti : 68
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti

Log in
Login
Password (min. 8 car.)
Memorizza i tuoi dati:

Disclaimer/INFO
Il tuo Ip è:

3.95.131.208

DISCLAIMER: Questo portale web non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Le immagini pubblicate, quando non sono di proprietà degli autori, sono procurate con licenza di pubblico dominio o prese liberamente dalla rete. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità né per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del portale stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete (Il fatto che il portale pubblichi questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità) né per eventuali commenti dei lettori, che se lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non vanno addebitati agli autori, neppure quando vengono formulati da anonimi. Nell’eventualità di una violazione di altrui diritti si pregano gli interessati di darne comunicazione a questo portale che prontamente provvederà alla cancellazione.

Temi
Tema

Eventi
<
Dicembre
>
L M M G V S D
-- -- -- -- -- -- 01
02 03 04 05 06 07 08
09 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31 -- -- -- -- --

Questo mese

 
Mostra al Castello di Spadafora: SICILIA vista da Giuseppe La Spada, a cura di Cristina Lopresti
Inserito il 08 agosto 2012 alle 08:00:00 da cristina lopresti. IT - Libri, Convegni, Mostre, Eventi culturali

Mostra fotografica Sicilia vista da Giuseppe La Spada, a cura di Cristina Lopresti“Sicilia vista da Giuseppe La Spada”

Castello di Spadafora

3 agosto – 12 agosto  - Orari di visita: 10:00/13:00; 18:00/22:00  - Ingresso libero

Helmut Newton ha scritto che l’arte della fotografia è desiderio di scoprire, voglia di emozionare e gusto di catturare. Tre elementi presenti negli scatti del siciliano Giuseppe La Spada, versatile e poliedrico artista digitale, unico italiano a essere insignito a New York del Webby Award, l’Oscar del Web.

Le sale del Castello di Spadafora, nel mese di agosto, ospiteranno una sua mostra fotografica che restituisce l’immagine di una Sicilia autentica e incontaminata.

L’esposizione propone inoltre una selezione tratta dai suoi ultimi lavori: AFleur e Underwater. AFleur è ispirato a una credenza narrata nel film “Atalante” del regista Jean Vigo secondo la quale immergendosi è possibile vedere il volto della persona amata. Sott’acqua si compie un viaggio nella profondità del proprio io e si prova lo stesso annullamento delle dimensioni temporali e spaziali dell’amore.

Underwater affonda le sue radici nelle liriche del poeta Fjodor Ivanovic Tjutcev e rappresenta il naturale proseguimento del precedente lavoro di Giuseppe La Spada, per il quale l’acqua, con le sue infinite rappresentazioni e combinazioni, costituisce un’affascinante sfida.

La mostra, curata dalla Dott.ssa Cristina Lopresti, non manca di sottolineare l’impegno dell’artista in favore dell’ambiente dimostrato col progetto Mono No Aware per il pluripremiato compositore Ryuichi Sakamoto e il Flash Mob in Piazza Duomo a Milano.

 Info: spadaf003@yahoo.it

 IL SERVIZIO VIDEO DI RTP-TV SULLA MOSTRA

 IL SERVIZIO VIDEO DI TCF-TV SULLA MOSTRA

 

In (Continua in Dettagli) l'articolo del giornalista Vincenzo Bonaventura e alcune foto della mostra

Gazzetta del Sud – martedì 7 agosto 2012 Mostra del digital artist Giuseppe La Spada nel Castello di Spadafora (Messina,) fino al 12 agosto

L’uomo che ha fotografato le “sirene” (Vincenzo Bonaventura)

Chi ha detto che le sirene non esistono? Esistono, eccome! C’è perfino chi le ha fotografate. Andate a vederle nella mostra di Giuseppe La Spada, 38 anni, origini tra Palermo e Milazzo, milanese per attività, ospitata fino al 12 agosto al primo piano del Castello di Spadafora (Messina). Digital artist a tutto tondo, “eroe moderno” del web, qui La Spada si presenta solo come fotografo. È lui che ha immortalato le sirene (non hanno la coda ma normali gambe). S’intende, stiamo parlando per paradossi, che però sono conseguenza della logica e delle affascinanti immagini esposte davanti a noi. Sì, perché nelle serie “AFleur” e - ancor di più “Underwater” la modella ritratta da La Spada è un tutt’uno con l’elemento acqua: ne fa parte, si integra fino a far sparire i propri confini, perde l’idea del corpo umano come ci appartiene per andare oltre in un unicum che supera le nostre concezioni. Il fascino di tutto questo è dato anche dal fatto che non ci sono “trucchi” digitali che ingannano il senso della vista (o almeno cosi sembra) ma piuttosto un’abilità tecnica e interpretativa, tutta tesa a una trascendenza apparentemente al contrario, che non punta verso l’alto ma piuttosto verso il basso dello stare sott’acqua. E comunque alta la meta, perché si tratta di un’idea (nota nei propositi umani, proclamati e poco sinceri, e ignota o quasi nelle azioni di ogni giorno) di una comunione autentica con la natura.

Anche se l’impatto con le “sirene” ci ha portato verso le sale finali, si può adesso tornare all’inizio, dicendo che la mostra, curata da Cristina Lopresti, si intitola “Sicilia, vista da Giuseppe La Spada”. Una scelta, e come tale discutibile, che privilegia (forse per catturare un po’ di consenso aprioristico sul territorio) la prima parte del percorso espositivo, dedicata per intero a immagini dell’isola.

Grande qualità fotografica con uso “violento” (dal punto di vista emotivo) del bianco e nero, con un’accentuazione dei contrasti cromatici che “definisce” certi particolari, in perfetta assonanza con la frase “Sicilia, terra di contraddizioni”, diventata talmente un luogo comune da far dimenticare la profonda verità che rivela. Vediamo paesaggi dell’Etna e delle Eolie, la straordinaria “vasca di Venere” di Capo Milazzo, antiche architetture ormai abbandonate, strade acciottolate, visi consumati di artigiani che sembrano sbucare da un passato memorizzato in età giovanile e così via.

Non sono soggetti inconsueti, anzi appartengono a un modo di illustrare la Sicilia abbondantemente metabolizzato e con illustri precedenti. E nello stesso tempo sono immagini necessarie e non solo come testimonianza di cose che non sappiamo né conservare né - ancor peggio - rinnovare.

Il processo digitale di desaturazione valorizza concetti atavici ed eleva quindi una mostra che sarebbe consueta a qualcosa di più, legata alla capacità artistica, oltre che tecnica, di La Spada. Un’immagine, in particolare, rappresenta questi concetti: quella di una campana nel suo campanile ripresa dal basso, il batacchio in primo piano e l’interno a fare da corona. Tuttavia è l’altra parte della mostra, quella delle “sirene”, a portarci in un terreno che allarga la conoscenza di La Spada, soprattutto videoartista e web design, vincitore nel 2007 a New York di uno dei prestigiosi Webby Awards (categoria Net Art) per il sito “Mono no aware” (frase giapponese che vuol dire più o meno “il sentimento delle cose”) a supporto di un’iniziativa ambientalista del musicista Ryuichi Sakamoto (premio Oscar per la colonna sonora de “L’ultimo imperatore” di Bertolucci). Sia “AFleur” che “Under-water” al di fuori di questa esposizione sono anche Video oltre che foto. Il primo è ispirato al leggendario film “L’Atalante”, girato da Jean Vigo nel 1934, il secondo alle poesie ottocentesche del russo Tjutcev (riprese nel film “Stalker”, 1979, di Andrej Tarkovskij). In queste fotografie (in cui riappare il colore, con una voluta marginalità da coprotagonista) colpisce la continuità di ogni gesto, non c’è mai l’idea di un fermo, è come se nella stessa immagine fossero contenuti (e visibili) il movimento precedente e quello seguente.

Per sognare (finalmente) una vita che sappia essere parte meravigliosa dell’ambiente naturale in cui si svolge.



L'articolo estrapolato dalla Gazzetta del Sud del 7 agosto 2012 firmato dal giornalista Vincenzo Bonaventura

Clicca sull'imagine per ingrandire

 L'articolo estrapolato dalla Gazzetta del Sud del 7 agosto 2012 firmato dal giornalista Vincenzo Bonaventura sulla mostra di Giuseppe La Spada

Al castello di Spadafora la mostra "Sicilia vista da Giuseppe La Spada" curata da Cristina Lopresti

Al castello di Spadafora la mostra "Sicilia vista da Giuseppe La Spada" curata da Cristina Lopresti

Al castello di Spadafora la mostra "Sicilia vista da Giuseppe La Spada" curata da Cristina Lopresti

Al castello di Spadafora la mostra "Sicilia vista da Giuseppe La Spada" curata da Cristina Lopresti

Al castello di Spadafora la mostra "Sicilia vista da Giuseppe La Spada" curata da Cristina Lopresti

Al castello di Spadafora la mostra "Sicilia vista da Giuseppe La Spada" curata da Cristina Lopresti

Al castello di Spadafora la mostra "Sicilia vista da Giuseppe La Spada" curata da Cristina Lopresti

Al castello di Spadafora la mostra "Sicilia vista da Giuseppe La Spada" curata da Cristina Lopresti

Al castello di Spadafora la mostra "Sicilia vista da Giuseppe La Spada" curata da Cristina Lopresti

Al castello di Spadafora la mostra "Sicilia vista da Giuseppe La Spada" curata da Cristina Lopresti

Al castello di Spadafora la mostra "Sicilia vista da Giuseppe La Spada" curata da Cristina Lopresti

Al castello di Spadafora la mostra "Sicilia vista da Giuseppe La Spada" curata da Cristina Lopresti


Letto : 3365 | Torna indietro

 
 © www.oggiweb.it (da rielaborazione grafica © Asp-Nuke.it) 
Contattami

Questa pagina è stata eseguita in 0,203125secondi.
Versione stampabile Versione stampabile