OGGIWEB il portale informativo tirrenico Il portale informatico OGGIWEB è al suo 12° Anno di vita - Il webmaster ti invita a registrarti per poter accedere alle sezioni riservate FORUM, MATERIALE etc.. Iscriviti e ... buona navigazione.
Home Il Sito del webmaster Mappe Satellitari Previsioni Meteo
  Notizie 

             

 
 
Le nostre foto

Il Maestro Domenico Galì suona al Castello di Spadafora - Estate 2006 (10764)

Aforismi Celebri
Continua ciò che hai cominciato e forse arriverai alla cima, o almeno arriverai in alto ad un punto che tu solo comprenderai non essere la cima.

Seneca


- Istruzioni d'Uso
1) HomePage UgoLopresti (by webmaster) (IT)
2) OGGIWEB: Istruzioni d'uso (IT)
3) IL PERCHE' di OGGIWEB (IT)
4) MERCATINO: Istruzioni d'uso (IT)


Link Segnalati
HomePage Webmaster (4323)
Home Rai (3902)
Home Regione Siciliana (3883)
I soldati americani a Spadafora nel 1943 (3654)

Visitatori
Visitatori Correnti : 41
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti

Log in
Login
Password (min. 8 car.)
Memorizza i tuoi dati:

Disclaimer/INFO
Il tuo Ip è:

54.163.42.154

DISCLAIMER: Questo portale web non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Le immagini pubblicate, quando non sono di proprietà degli autori, sono procurate con licenza di pubblico dominio o prese liberamente dalla rete. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità né per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del portale stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete (Il fatto che il portale pubblichi questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità) né per eventuali commenti dei lettori, che se lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non vanno addebitati agli autori, neppure quando vengono formulati da anonimi. Nell’eventualità di una violazione di altrui diritti si pregano gli interessati di darne comunicazione a questo portale che prontamente provvederà alla cancellazione.

Temi
Tema

Eventi
<
Dicembre
>
L M M G V S D
-- -- -- -- -- 01 02
03 04 05 06 07 08 09
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 -- -- -- -- -- --

Questo mese

 
Ricordando: ... Il nostro Maestro
Ricordando: ... Il nostro Maestro

Torna indietro


Ricordando il nostro Maestro
Inserito il 18 febbraio 2008 alle 23:00:00 da messinawebpresid. IT - Ricordando: ... Il nostro Maestro

 

(replica articolo del 08.02.2006)   La classe 5a B:

 

Abbiamo urlato un giorno: è finita la scuola finalmente.

Dalla quinta si passava alla media, foriera di presagi dì maturità. Sul cortile abbiamo stretto forte le Sue mani Maestro, come a dirLe arrivederci, ed invece era un addio.

Addio a Lei, alle Sue parole, ai Suoi insegnamenti che rimasero nel cuore come la perla dentro l'ostrica, dura a estirparsi dal suo letto d'argento.

Addio alla preghiera del mattino e dopo all'inno cantato con la mano sul cuore, e dopo ancora a Va' pensiero sull’ali dorate di quel sogno nostro che già assumeva forma e tempo quando il tempo non aveva ancora senso e tutto s'iscriveva in un eterno domandarsi: che farò da grande perché di grande altro se non Lei c’era, caro Maestro dei tempi andati.

 

 L’abbiamo incontrata qualche rara volta sempre fiero nel Suo passo marziale, nel Suo portamento senza pieghe nonostante l'età che incalzava. ParlandoLe, ci parve che non fosse poi passato già un millennio da quel giorno di sole e salti nello spiazzo antico che oggi è moderno e accoglie i nostri figli. La vita si rinnova ma rimane sempre in fondo al cuore la tristezza di non aver giocato tutto quello che c’era da giocare.

Lei, Maestro, insegnò a noi tuttavia ad esplorare oltre quello che si poteva fare in un'età che è nata per sprecare energie che sembrano inesauribili, con Lei abbiamo conosciuto un mondo del quale ancora oggi individuiamo segni e avvisaglie che diversamente non sapremmo nemmeno cosa sono.

Ci piacerebbe sapere cosa penserebbe rivedendoci, oggi, tutti insieme ritrovati dopo più di trent'anni intorno a un tavolo chi più chi meno nuovo, ma non diverso, dietro i paraventi che l'età ha innalzato tra noi e gli altri. (continua in Dettagli)


Letto : 4507 | Continua in Dettagli... (341 parole)

Vecchie notizie
«Indietro
18 febbraio 2008
Archivio Notizie  

 
 © www.oggiweb.it (da rielaborazione grafica © Asp-Nuke.it) 
Contattami

Questa pagina è stata eseguita in 5,007813secondi.
Versione stampabile Versione stampabile