OGGIWEB il portale informativo tirrenico Il portale informatico OGGIWEB è al suo 12° Anno di vita - Il webmaster ti invita a registrarti per poter accedere alle sezioni riservate FORUM, MATERIALE etc.. Iscriviti e ... buona navigazione.
Home Il Sito del webmaster Mappe Satellitari Previsioni Meteo
  Notizie 

             

 
 
Le nostre foto

Una foto della storica Villa Cordaro di Spadafora (1925) (10929)

Aforismi Celebri
Ho fortissima l'impressione che il contrario dell'amore non sia l'odio, ma l'apatia, l'indifferenza.

Leo Buscaglia (Vivere, amare, capirsi)


- Istruzioni d'Uso
1) HomePage UgoLopresti (by webmaster) (IT)
2) OGGIWEB: Istruzioni d'uso (IT)
3) IL PERCHE' di OGGIWEB (IT)
4) MERCATINO: Istruzioni d'uso (IT)


Link Segnalati
HomePage Webmaster (4323)
Home Rai (3902)
Home Regione Siciliana (3883)
I soldati americani a Spadafora nel 1943 (3654)

Visitatori
Visitatori Correnti : 41
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti

Log in
Login
Password (min. 8 car.)
Memorizza i tuoi dati:

Disclaimer/INFO
Il tuo Ip è:

54.163.42.154

DISCLAIMER: Questo portale web non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Le immagini pubblicate, quando non sono di proprietà degli autori, sono procurate con licenza di pubblico dominio o prese liberamente dalla rete. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità né per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del portale stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete (Il fatto che il portale pubblichi questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità) né per eventuali commenti dei lettori, che se lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non vanno addebitati agli autori, neppure quando vengono formulati da anonimi. Nell’eventualità di una violazione di altrui diritti si pregano gli interessati di darne comunicazione a questo portale che prontamente provvederà alla cancellazione.

Temi
Tema

Eventi
<
Dicembre
>
L M M G V S D
-- -- -- -- -- 01 02
03 04 05 06 07 08 09
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 -- -- -- -- -- --

Questo mese

 
Ricordando ,,,
Ricordando ,,,

Torna indietro


I colleghi e amici del Consiglio dell'Ordine degli Architetti, ricordano Uccio Di Sarcina
Inserito il 08 dicembre 2009 alle 19:34:00 da webmaster. IT - Ricordando ,,,

Il Prof. Uccio Di Sarcina(dalla Gazzetta del Sud - Messina del 8.12.2009) L'architetto Uccio Di Sarcina

L'Ordine degli Architetti di Messina: «Uomo e professionista di grande levatura morale e intellettuale» I colleghi e amici del Consiglio dell'Ordine degli Architetti, ricordano così Uccio Di Sarcina morto sabato notte in un incidente d'auto mentre, con la moglie e il figlio, era diretto a Formia. (Continua in Dettagli)


Letto : 3983 | Continua in Dettagli... (545 parole)

Sono passati tre anni
Inserito il 11 novembre 2006 alle 11:02:00 da messinanews. IT - Ricordando ,,,

Sono passati tre anni…….. Tre anni fa, come oggi, 19 ragazzi erano ancora vivi, avevano sogni da realizzare, ricordi in cui si cullavano in quella terra lontana, speranze per un mondo migliore. Pensavano , credevano di fare la cosa giusta. Pensavano, credevano di essere li per poter garantire un sorriso a bambini che un sorriso non avevano. Molti, nel loro paese, li credevano in guerra, loro erano in missione di pace. Anche i fanatici assassini che da li a poco avrebbero troncato le loro vite, li credevano in guerra, in quei momenti le loro mani maneggiavano il terribile esplosivo che avrebbe troncato le loro vite. Domani tre anni fa, l’intera Italia si risveglio con un lutto piu’ grave, un lutto da scrivere nelle pagine dei libri di storia. Un’attentato, terribile per fattura e dimensione riporto alla realtà chi credeva che la missione in Irak fosse una passeggiata. 19 ragazzi furono sacrificati su l’altare della patria, l’Italia riscopri grazie a loro parole dal sapore antico, gli italiani furono uniti in una partecipazione senza precedenti. Cosa e’ rimasto? 19 famiglie per il terzo anno piangono i loro cari scomparsi, la guerra in Irak non e’ ancora terminata, altro sangue e’ stato sparso . ne e’ valsa la pena??? In quel momento si pensava di no, le bandiere arcobaleno impazzavano ovunque (mentre adesso sono piegate nei cassetti), quasi era vostra la colpa di essere morti in una terra lontana. Non era ’ colpa vostra ragazzi a voi andava e va il grazie di tutta la nazione e la promessa di non dimenticarvi , perche siete voi che con il vostro sangue, che con la vostra morte avete aperto interrogativi mai sopiti che in questi tre anni non hanno mai trovato risposta Ciao ragazzi………


Letto : 3519 | Continua in Dettagli... (1 parole)

Aiutate Spadafora a non morire!
Inserito il 14 marzo 2006 alle 22:58:00 da benedetto. IT - Ricordando ,,,

Sembra assurdo, eppure anche a Spadafora c’è stata la guerra. Sembrano immagini quasi surreali.  Soldati, tende, accampamenti e camionette. Sembra strano, ma è così. E non posso descrivere la sensazione che provo dentro nel vedere queste foto. Di certo c’è che le lacrime rigano il mio volto. E penso al passato di questo paese, alla sua fisionomia mutata dagli anni e dal tempo. Alla storia della mia gente, di quella gente che amo. Mentre lavora le reti per la pesca o semplicemente mentre siede davanti al bar a scambiare opinioni. Io vorrei avere vissuto Spadafora nei secoli, in ogni suo cambiamento con il mare inseparabile amico/nemico a modellare le sue coste. Sono sensazioni uniche e ringrazio Piero per avere pensato alla pubblicazione di questo materiale fotografico che mi ha dato modo di pensare ancora una volta a quanto amo questo posto. Questo posto che mi ha forgiato in una determinata maniera, che ha inciso fortemente nel mio modo di essere. Amo Spadafora al punto da farmi scoppiare il cuore e non posso sopportare che negli ultimi anni sia rimasta indietro anni luce rispetto ad altri centri del comprensorio. E’ una pugnalata in pieno petto. C’è una cosa che vorrei raccontare. Il 27 febbraio scorso, io e miei genitori siamo stati svegliati dalla scossa di terremoto che molti di noi hanno sentito. Abbiamo subito pensato di scendere giù e poi abbiamo fatto un giro in auto. Ebbene, vedere Spadafora alle 5,30 del mattino, deserta, con la luna che si specchiava sul mare, con quel paesaggio stupendo che Dio ci ha regalato, mi ha fatto stare bene. (...continua)


Letto : 5424 | Continua in Dettagli... (143 parole)

Vecchie notizie
«Indietro
08 dicembre 2009
Archivio Notizie  

 
 © www.oggiweb.it (da rielaborazione grafica © Asp-Nuke.it) 
Contattami

Questa pagina è stata eseguita in 3,244995secondi.
Versione stampabile Versione stampabile